Il miglior percorso di studi per imparare a programmare

di Lorenzo Neri
0 commento 285 visualizzazioni

E così vuoi imparare a programmare ma non sai dove iniziare e dove studiare.

Puoi trovare un sacco di percorsi formativi differenti, ma dipende da due cose:

  • Da dove parti
  • Da dove vuoi arrivare

Chiaramente, se non hai ancora un diploma e sei fermamente convinto al 100% di studiare informatica e la programmazione, non posso che suggerirti di buttarti direttamente su un istituto tecnico industriale o una scuola professionale legata a questo mondo.

Se invece ti sta affacciando sul mondo dell’università, oppure vuoi cambiare totalmente lavoro beh… La faccenda si complica.

Analizziamo la situazione punto per punto:

Informatica vs. Ingegneria informatica: quale è meglio?

La risposta è “Tutte e due e nessuna delle due” però hey… Io le ho fatte entrambe!

Ingegneria: in generale ti offre una formazione parecchio teorica affinché tu possa adattarti a diversi contesti. La laurea si compone di diversi esami legati al mondo della fisica e dell’analisi matematica, ovviamente ce ne sono diversi legati alla programmazione, ai sistemi informatici e all’elettronica.

Non si scende troppo nel dettaglio di queste materie: in parte perché ingegneria ti offre una formazione alquanto teorica, approfondire e andare nel concreto spetta a te.

Hai sì modo di realizzare progetti e creare qualcosa, specialmente per la tesi!

Pro: formazione teorica, ti permette di adattarti a diverse materie, anche al di fuori dell’informatica

Contro: pochi esami specifici, non si approfondiscono troppo gli argomenti legati all’informatica.

Vediamo invece informatica pura.

È un percorso leggermente diverso: devi sì affrontare esami legati al mondo della fisica e dell’analisi matematica, ma ci sono molti più esami concreti e molto più dettagliati parlando di programmazione e sistemi informatici.

Non si approfondisce molto il mondo dell’elettronica, al contempo ti viene offerta la possibilità di scoprire molto più a fondo e con più dettagli l’informatica vera e propria.

C’è modo di capire come usare al 100% diversi linguaggi di programmazione, come si realizzano determinate infrastrutture, come si realizza un software e spesso, puoi scegliere esami specializzanti. 

Cosa intendo dire con l’ultima frase?

Diversi atenei ti danno modo di fare esami legati allo sviluppo di applicazioni, intelligenze artificiali, videogiochi, musica e tante altre sottodiscipline di questo mondo.

Pro: esami molto più specifici, hai più possibilità di fare pratica e affrontare esami particolari (videogiochi, database, musica, ecc.)

Contro: formazione altamente vincolata al mondo dell’informatica (ma del resto se scegli una facoltà come questa, è ciò che vuoi no?), lascia poco spazio ad altre discipline che ti danno modo di affacciarti ad altre materie.

Formazione privata

L’università è una scelta molto complicata e ardua da prendere, soprattutto se lavori già da tempo e non puoi permetterti di dedicarti solo ai libri.

Non è l’unica via: l’università è senza dubbio un ottimo trampolino di lancio, ma esistono altre strade che hanno poco da invidiare.

Esistono non pochi percorsi formativi che ti permettono di formarti e fare tue le competenze necessarie per lavorare in questo mondo.

C’è da dire una cosa: nel mondo dell’informatica non è necessario avere titoli accademici. Se sai dimostrare di che pasta sei fatto, troverai sicuramente lavoro.

Non per nulla ho parlato in questo articolo di come partire da zero 😉

Torniamo a noi.

Se vuoi trovare o crearti un lavoro in questo mondo, devi senza dubbio dimostrare di avere competenze, ma prima delle competenze vengono le conoscenze e le abilità.

Se non hai una persona, un libro o un video che ti offre conoscenze per tramutarle in abilità che si formano una volta che cominci a mettere le mani in pasta, non puoi assolutamente avere delle competenze.

Se parti da zero, avere qualcuno che ti spiega la programmazione come me (che bella l’autoreferenziazione!) o qualcun altro, è il miglior modo.

Dirti di comprarti una risma di libri e leggerteli sarebbe poco saggio: leggeresti le pagine e non avresti nessuno che risponda alle mille domande che ti si formerebbero in testa.

Perciò, ci sono diverse strade:

  • Le mie lezioni gratuite per iniziare a programmare: non potevo metterle in elenco e sono gratis!
  • Udacity: si tratta di un sito web che offre formazione qualificata e certificata online. È un’ottima soluzione se lavori, poichè puoi seguirti le lezioni quando vuoi, come vuoi e comodamente da casa tua.
    Ti rilasciano degli attestati validi a livello legale e diversi corsi sono tenuti da professori universitari di tutto rispetto.
    E con un click qui, puoi scoprire questo percorso sulla programmazione. https://www.udacity.com/course/intro-to-programming-nanodegree–nd000
  • Boolean Careers: si tratta di un’azienda milanese che conosco personalmente.
    Il loro obiettivo? Farti ottenere un lavoro full-time in 6 mesi di corso.

    https://www.boolean.careers/


Fantascienza? Truffa? Non ci credo neanche se lo vedo?

Il loro obiettivo si è verificato praticamente… Sempre. Con ogni loro studente.

C’è da dire una cosa però: ti offrono una formazione ben specifica, ovvero legata allo sviluppo di applicazioni web. 

Attualmente c’è molta richiesta sul mercato di sviluppatori web, ma ti deve piacere molto e soprattutto… Devi essere ammesso.

  • Un’altra scuola o sito che non conosco! Sono sicuro che ci sono altre scuole e siti web che meritano di essere messi in elenco, motivo per cui se pensi sia saggio inserirle in questo elenco, fammelo sapere con un commento 😀

Il discorso non finisce qui: ci sono diverse cose da prendere in esame, come ad esempio:

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Questo sito potrebbe fare uso di cookie e siccome l'UE mi obbliga a fartelo presente, eccoti il classico banner dove puoi decidere come gestirli. Accetta Leggi di più